Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.


Pantaloni Capri

(51 Articoli)

  Sesso

Selezionato:
  •  
  •  
  •  

  Taglia

Selezionato:

  Taglia bambini

Selezionato:

  Marchio

Selezionato:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

  Colori

Selezionato:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

  Prezzo (€)

  • -
    Accetta

  Recensioni clienti

Selezionato:
Classificare
Pagina 1 di
1
 
Classificare
Pagina 1 di
1

I pantaloni capri

Pantaloni Capri - Maloja

I pantaloni capri, detti anche pantaloni a pinocchietto o pantaloni pinocchietti, sono un particolare tipo di pantaloni lunghi fino a metà polpaccio o sotto al ginocchio, usati principalmente in estate o nelle giornate più calde. Inizialmente venivano indossati soprattutto dalle donne ma pian piano sono entrati a far parte anche del guardaroba maschile.

Questo modello di pantaloni fu inventato dalla stilista tedesca Sonja de Lennart nel 1948 e si diffuse molto velocemente nell’isola italiana di Capri, da cui poi presero il nome sia in lingua italiana che in lingua inglese. In realtà l’origine dei primi pantaloni dalla lunghezza al polpaccio risale al XVIII secolo in Inghilterra con i knickerbocker maschili e i bloomer femminili, pantaloni a mezza gamba che però venivano usati come indumenti intimi.

Negli anni ’50 i pantaloni capri ebbero un grande successo grazie anche alla diffusione di questa moda attraverso la televisione: la protagonista di un famoso show televisivo, The Dick Van Dyke Show, era solita indossarli molto spesso e li rese popolari negli Stati Uniti. Vennero poi apprezzati anche da grandi icone dell’epoca come Marilyn Monroe e Audrey Hepburn. In Europa, invece, iniziarono ad essere sempre più amati grazie alle scelte stilistiche della francese Brigitte Bardot.

Negli anni ’70 e ’80 i pantaloni capri non erano più considerati di moda perché si preferivano jeans lunghi alla caviglia e quindi il loro uso venne relegato ai luoghi di villeggiatura o per i bambini. Pian piano riiniziarono ad essere apprezzati dalle masse nei primi anni ’90: il ritorno di popolarità si deve soprattutto all’iconico personaggio di Mia Wallace in Pulp Fiction, interpretata da Uma Thurman, che in alcune scene del film indossa questo tipo di pantaloni. Al giorno d’oggi i pantaloni capri vengono riproposti ciclicamente nelle collezioni di vari stilisti e ormai sono considerati comodi, pratici, sportivi o eleganti a seconda del modello, della forma e del tessuto.

Come scegliere i pantaloni capri

I pantaloni capri sono considerati un capo casual ma alcune caratteristiche li possono rendere ideali anche per occasioni più eleganti. Per poterli indossare al meglio è consigliabile controllare le seguenti caratteristiche:

  • lunghezza: con il termine pantaloni si indicano tutti quei modelli a ¾ ma la lunghezza della gamba può cambiare da poco sopra alla caviglia, a metà polpaccio fino ad arrivare sotto al ginocchio. La scelta della lunghezza può variare in base alle temperature, più farà caldo è più conviene scegliere modelli corti, e in base alla fisionomia della persona che li indossa. I modelli a metà polpaccio tendono ad accorciare la gamba quindi non sono ideali per le persone più minute che farebbero meglio ad indossare pantaloni capri sotto il al ginocchio.
  • larghezza: anche la larghezza influisce molto sulla vestibilità e sullo stile di questo tipo di pantaloni. I modelli più larghi sono ideali per lo sport, le escursioni e il trekking perché garantiscono una maggiore libertà di movimento mentre se si desidera indossare i pantaloni capri in contesti più formali come in ufficio o per una serata è meglio optare per modelli più aderenti.
  • materiale: come per tutti i tipi di pantaloni si possono scegliere tessuti naturali o sintetici. I materiali naturali come il cotone, il lino o la canapa sono più traspiranti e non irritano la pelle ma allo stesso tempo non assorbono bene il sudore e si macchiano più facilmente. La lana, altro tessuto naturale, viene usata raramente perché si tratta pur sempre di pantaloni corti. I tessuti sintetici come il poliestere, l’elastan e il nylon sono più elastici, robusti e per le loro caratteristiche di resistenza all’acqua e agli strappi vengono usati per pantaloni capri tecnici, come quelli sportivi o quelli da trekking. Ci sono anche modelli di pantaloni capri in jeans, che può essere in 100% cotone o con varie percentuali di sintetico e che sono molto resistenti e pratici.
  • tasche: in generale più tasche ha un indumento è più sarà casual e sportivo. La maggior parte dei pantaloni capri è dotata di tasche laterali all’americana e i modelli più sportivi possono avere anche tasche applicate o a patta poste sul retro o sui lati della gamba.
  • colore: i colori più scuri come il nero, il blu e il verde scuro tendono a creare un effetto ottico che fa apparire le gambe più magre e slanciate mentre i colori più chiari sono ideali per i pantaloni capri da indossare al mare o in spiaggia perché attirano di meno i raggi solari.
  • chiusura: tra i tipi di chiusura più comuni troviamo le zip, i bottoni, le fasce in velcro o modelli con vita elasticizzata e senza chiusure. La vita elasticizzata è particolarmente indicata per i modelli da escursione perché permette di potersi muovere e piegare senza costrizioni.

Per dare un’occhiata a vari modelli di pantaloni capri pratici e comodi si possono controllare le offerte di alcune marche come la E9, la Patagonia e la Millet.



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -18
02 6006 3056
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?
Scrivi recensione