Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

Pantaloni impermeabili 74 Articoli

Sesso
  • 30
  • 27
  • 19
Taglia
  • 3
  • 20
  • 44
  • 41
  • 46
  • 49
  • 33
  • 8
Taglia bambini
  • 2
  • 4
  • 4
  • 5
  • 10
  • 4
  • 10
  • 5
  • 8
  • 1
  • 6
  • 1
  • 6
  • 1
  • 6
  • 5
Marchio
  • 2
  • 5
  • 2
  • 2
  • 2
  • 1
  • 8
  • 4
  • 4
  • 1
  • 4
  • 2
  • 2
  • 14
  • 4
  • 2
  • 7
  • 5
  • 3
Colori
  • 53
  • 1
  • 0
  • 3
  • 0
  • 14
  • 0
  • 0
  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
  • 1
  • 0
  • 2
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Prezzo
Recensioni clienti
Classificare
 
Pagina 1 di
2

Come scegliere i pantaloni impermeabili

Pantaloni Impermeabili

Quando piove o nevica spesso si indossano capi impermeabili per proteggersi dall’acqua ma solo nella parte superiore del corpo, tralasciando le gambe. In realtà, per garantire il massimo comfort, oltre ad investire in una buona giacca antipioggia, è consigliabile aggiungere anche un paio di pantaloni impermeabili, soprattutto per chi vive in luoghi molto piovosi o per chi ama fare attività outdoor anche nelle stagioni più fredde. Per scegliere un buon paio di pantaloni impermeabili, come quelli delle marche Marmot Regatta e Haglofs, è necessario controllare le seguenti caratteristiche.

Impermeabilità Naturalmente uno dei primi criteri di scelta per un paio di pantaloni antipioggia è proprio quello dell’impermeabilità. Con questo termine, nel caso dei tessuti, si indica la capacità del materiale di non fare penetrare un liquido attraverso le proprie membrane. Nei capi di abbigliamento viene spesso indicato sull’etichetta con la parola inglese waterproofness seguita dall’unità di misura in “Colonne d’acqua”. Una colonna d’acqua sta ad indicare la pressione che un liquido può esercitare sulla superficie di un materiale prima di penetrare. La pressione in questo caso viene indicata in millimetri.  Un capo viene considerato impermeabile quando sopporta una pressione di una colonna d’acqua di 1300 mm. Nel caso dei pantaloni definiti impermeabili, spesso questi non lo sono al 100% e si può passare da modelli con grado di impermeabilità di una colonna d’acqua di 5000 mm fino ad arrivare a modelli altamente tecnici con protezione fino a 22000 mm. La scelta del livello di impermeabilità dipende da vari fattori, in primo luogo la comodità e la destinazione d’uso del capo. Se si ha bisogno di un paio di pantaloni antipioggia da usare in caso di precipitazioni molto leggere, 5000 mm possono essere sufficienti ma se si vogliono usare i pantaloni sotto la pioggia battente, in caso di nevicate pesanti o sciando è meglio optare per modelli con un livello di almeno 10000 mm. Uno dei principali problemi dei capi completamente impermeabili è il fatto che non permettono alla pelle di respirare e quindi di far fuoriuscire l’acqua e l’umidità quando si suda. Per questo motivo oltre a pensare bene alla reale necessità di avere un capo impermeabile al 100%, è importante controllare anche un secondo valore, l’indice di traspirazione.
Indice di traspirazione L’indice di traspirazione, ovvero la capacità di un tessuto di poter lasciar fuoriuscire il vapore acqueo dal corpo verso l’esterno, è molto importante per tutti i tipi di pantaloni impermeabili che dovranno essere usati quando si fa movimento, come quelli per lo sci, per il trekking o per la caccia. Quando si fa un’attività sportiva, infatti, il nostro corpo tende a produrre calore e a sudare e quindi un capo che è impermeabile all’esterno ma che non lascia traspirare la pelle sarà molto scomodo e poco pratico. Inoltre mantenendo il sudore a contatto con la pelle quando le temperature sono molto basse si rischia di raffreddarsi o avere la febbre. Anche per questo valore spesso sull’etichetta è riportata la parola inglese, ovvero breathability, seguita da un valore espresso in gr/m2 per 24 ore, cioè la quantità in grammi di vapore acqueo che può essere fatta fuoriuscire da un tessuto di un metro quadrato in 24 ore. Semplicemente, più questo valore sarà elevato e maggiore sarà il grado di traspirabilità. In realtà il compromesso tra protezione dall’acqua e garanzia di traspirabilità non è molto facile da ottenere, anche perché tutti i test di misurazione vengono fatti in laboratorio, quando invece il corpo di chi indossa l’indumento può comportarsi in maniera molto diversa. Come linea guida generale è consigliabile scegliere pantaloni impermeabili al 100% (ovvero in tessuti Hard Shell) solo se si prevede di stare molte ore sotto la pioggia o se si andrà a camminare in fiumi e pozzanghere mentre è meglio preferire pantaloni antipioggia ma traspiranti (ovvero in tessuti Soft Shell con speciali membrane) se il contatto con l’acqua e l’umidità è di minore durata, se ci si muove molto e se le temperature esterne sono alte.
Tipologia Oltre ai classici modelli di pantaloni antipioggia esistono degli speciali sovrapantaloni impermeabili da indossare sopra a qualsiasi paio di pantaloni. Questa soluzione è molto comoda per chi sa di aver bisogno di indossare il capo anti acqua solo per brevi occasioni in cui la pioggia e molto intensa, come per esempio per chi va in ufficio a piedi o in bicicletta e non vuole essere costretto a indossare i pantaloni antipioggia per tutti il giorno. Come per i modelli classici, anche per i sovrapantaloni impermeabili valgono le stesse regole di impermeabilità e traspirabilità, ma se questi vengono indossati per poco tempo si può scegliere un tessuto più spesso e resistente all’acqua sacrificando per poco tempo la possibilità di far respirare la pelle. Naturalmente, trattandosi di un capo da indossare sopra un altro indumento, la taglia dei sovrapantaloni impermeabili dovrà essere leggermente più grande.


Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3056
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?