Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

Attrezzi arrampicata su ghiaccio

246 Articoli
Marchio
  • 19
  • 52
  • 46
  • 3
  • 23
  • 16
  • 29
  • 1
  • 1
  • 32
  • 1
  • 5
  • 11
  • 6
  • 1
Colori
  • 100
  • 0
  • 2
  • 69
  • 6
  • 19
  • 0
  • 5
  • 22
  • 0
  • 34
  • 40
  • 28
  • 0
  • 1
  • 2
  • 37
  • 1
  • 0
Prezzo in €
Recensioni clienti
Classificare
 
Pagina 1 di
5

Attrezzi arrampicata su ghiaccio

Attrezzi arrampicata su ghiaccio

Nonostante la disciplina dell’arrampicata su ghiaccio abbiano molte affinità con la normale arrampicata su roccia, ci sono alcuni elementi che le diversificano. Innanzitutto ognuna di queste discipline richiede un diverso tipo di attrezzatura. Chi vuole arrampicarsi su ghiaccio dovrà procurarsi svariati attrezzi, e dovrà sceglierli in base a capacità, percorso scelto e preferenze personali.

La piccozza: la piccozza è sicuramente l’attrezzo più importante di tutti, oltre che il più costoso. La piccozza esteticamente ricorda una sorta di mix tra un martello e un’ascia, ed effettivamente agisce un po’ come entrambi: serve per colpire il ghiaccio, conficcarcisi e fornire quindi un punto di appoggio per continuare la scalata. Inoltre di solito mentre una delle facce è una lama tutti gli effetti, l’altra parte (piatta) agisce come un martello. Le piccozze possono essere dotati o meno di laccio, cioè una corda che serve a non perdere la piccozza in caso dovesse scappare di mano. Durante l’acquisto è bene fare caso alla misura dell’attrezzo: sono infatti disponibili in “taglie” diverse e devono adattarsi all’altezza dello scalatore. Infatti una piccozza troppo lunga può farvi perdere l’equilibrio mentre la usate ed una troppo corta non vi offrirebbe abbastanza appoggio.

I ramponi: Ovviamente per arrampicarsi su ghiaccio o neve le normali suole da arrampicata non bastano, in quanto queste superfici scivolose e dalla consistenza così particolare renderebbero un normale scarpone assolutamente inutile, non riuscirebbe a fare presa. È necessario dotarsi di ramponi: questi sono sostanzialmente un sistema di punte in ferro o in acciaio che vengono fissate agli scarponi e permettono allo scalatore di fare presa sul terreno con i piedi. Ne esistono di vari tipi, alcuni hanno solo una grossa punta sul davanti mentre altri hanno un maggior numero di speroni (per l’arrampicata su ghiaccio comunque sono fondamentali quelli posizionati su punta e tacco). Verificate sempre che siano compatibili con le scarpe che intendete usare e quale sia il metodo di aggancio più comodo per voi.

Chiodi da ghiaccio: i chiodi da ghiaccio sono a tutti gli effetti dei grossi chiodi in acciaio che vengono conficcati o avvitati nella roccia e nel ghiaccio. Servono sia come punto di appoggio (riescono a reggere tranquillamente e abbondantemente il peso di una persona adulta) che come supporto per le corde, di cui dovrete ovviamente munirvi per impedirvi di cadere. Sono disponibili in diverse misure: infatti si può avere bisogno di una lunghezza piuttosto che di un’altra in base allo spessore del ghiaccio sopra la roccia. Scegliete la lunghezza desiderata in base al percorso oppure portatene con voi più di un tipo. Munitevi di una borsa in nylon resistente o di un contenitore adatto a trasportarli, affinché possano rimanere affilati quanto basta,

Corde: come per l’arrampicata su roccia, anche nell’arrampicata su ghiaccio è importante munirsi di corde per evitare di precipitare nel vuoto qualora doveste mancare un supporto o perdere l’equilibrio. Una corda da ghiaccio solitamente è lunga dai 50 ai 70 metri (si sono sensibilmente allungate per permettere agli scalatori di muoversi più liberamente) ed è spessa più o meno 10mm (che può variare di un paio di millimetri in più o in meno, tuttavia questa è considerata la misura più versatile per una scalata di media difficoltà).

Elmetto: naturalmente è possibile che pezzi di ghiaccio o frammenti di roccia si stacchino dalla parete della montagna e vi cadano addosso, tutto sommato è un fenomeno abbastanza comune. Se il frammento è particolarmente grosso pesante però può rappresentare un rischio anche fatale, per questo è fondamentale munirsi di elmetto per proteggere il viso ma soprattutto il cranio. La scelta dell’elmetto va fatta tenendo conto ovviamente della vostra misura: una volta indossato non deve muoversi quando scuotete la testa e i lacci per fissarlo non devono sembrare o essere allentati. Per l’arrampicata su ghiaccio si consiglia di solito l’acquisto di un elmetto con una buona imbottitura e poche aperture laterali per la ventilazione: la protezione è più importante del comfort, anche perché solitamente non sussiste un problema di temperature troppo alte. Un elmetto intatto può durare anche una decina di anni, tuttavia si consiglia caldamento di sostituirlo se danneggiato o dopo aver sopportato impatti importanti: a volte le crepe sono interne e non si vedono, perciò è molto pericoloso ignorare anche incidenti che possono non sembrare significativi.

Sul nostro sito potrai trovare un’ampia gamma di attrezzi per l’arrampicata su ghiaccio delle migliori marche: Black diamond, Camp e molte altre ancora!



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3056
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?