Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

Scarpe da avvicinamento (228 Articoli)

Sesso

Selezionato:

Taglia scarpe

Selezionato:

Marchio

Selezionato:

Colori

Selezionato:

Prezzo (€)

  • -
    Accetta

Recensioni clienti

Selezionato:
Classificare
Pagina 1 di
4
 
Classificare
Pagina 1 di
4

Le scarpe da avvicinamento

Scarpa da avvicinamento

Le scarpe da avvicinamento, chiamate anche scarpe da approach, sono quel tipo di calzature nate, come dice il nome stesso, per essere usate prima di una scalata o di una ferrata, appunto nel percorso in cui si avvicina alla parte verticale della montagna o della roccia. Per chi non è un esperto della disciplina le scarpe da avvicinamento possono sembrare un ibrido tra scarpe da trail running, ovvero da corsa in terreni sterrati, e scarpe da trekking, ma in realtà si tratta di calzature tecniche con dettagli specifici per i percorsi di montagna sulle vie di roccia. Per questo motivo spesso vengono considerate scarpe adatte solo per gli utenti più esperti, come gli scalatori o le guide di montagna, invece possono risultare adatte anche a chi si trova a camminare su percorsi impervi e con alcuni tratti di leggera arrampicata, grazie alle suole tassellate, alle punte rinforzate e alla tomaia leggera ma resistente. Non va comunque dimenticato che si tratta di scarpe tecniche e dai dettagli specifici progettati per proteggere il piede, quindi per chi vuole semplicemente fare una passeggiata nella natura o fare trekking è meglio optare per scarpe o scarponi pensati appositamente queste attività.

Per dare un’occhiata a vari modelli di scarpe da approach si possono controllare le offerte delle marche specializzate come la Salewa o la La Sportiva oppure vedere i modelli proposti da marche più generaliste come la Adidas o la Timberland.

Come scegliere le scarpe da avvicinamento

Poiché si tratta di calzature tecniche necessarie per proteggere al meglio i piedi in percorsi accidentati e ricchi di ostacoli, è necessario scegliere le scarpe da avvicinamento con attenzione, focalizzandosi sui seguenti punti fondamentali:

  • tipologia: sul mercato esistono due tipi principali di scarpe da avvicinamento, quelle da alpinismo e quelle da avvicinamento. Normalmente questa indicazione viene indicata sull’etichetta o sulla scatola delle calzature. Le scarpe da avvicinamento da alpinismo sono più alte alla caviglia per garantire la massima protezione dell’articolazione quando sul terreno ci sono rocce, buche o ostacoli e si può cadere o fare una storta molto facilmente. Sono adatte per i percorsi particolarmente impegnativi prima delle ferrate, sia in inverno che in estate, oppure per tutti i tipi di percorsi ma nella stagione più fredda, quando si necessita una scarpa più pesante e protettiva contro la neve e il ghiaccio. Le scarpe da avvicinamento classiche sono più leggere e non hanno una protezione tanto alta per la caviglia. Gli alpinisti e gli scalatori le indossano per gli avvicinamenti in falesia, come nel caso delle arrampicate leggere oppure nelle vie ferrate. Molto spesso questa tipologia viene usata anche per il trekking, soprattutto i modelli più leggeri.
  • suola: la suola esterna è l’elemento più importante di qualsiasi scarpa pensata per la montagna. Tutti i tipi di scarpe da avvicinamento hanno suole realizzate in materiali resistenti, impermeabili e con dettagli come tacchetti e fessure che garantiscono il massimo grip sul terreno. Inoltre, rispetto alle scarpe da trekking o da trail running, hanno suole meno flessibili e con una calzata più stretta e precisa, per garantire il massimo appiglio anche nei punti più scivolosi. I dettagli che possono variare tra le suole dei vari modelli di scarpe da approach sono la rigidità e l’altezza dei tacchetti. I modelli con suola e intersuola più rigide e con tacchetti più profondi sono pensati per percorsi più rocciosi o con più detriti mentre quelli con suola meno rigida e tacchetti non troppo grandi sono ideali per percorsi più battuti e meno impegnativi.
  • tomaia: la tomaia può essere in pelle o in materiali sintetici come il poliestere, il nylon o il Gore-Tex. Inoltre sono dotate di rinforzi nei punti in cui il piede necessita di maggiore protezione, come in punta o sui lati.
  • fodera: la maggior parte delle scarpe da avvicinamento sono realizzate con tomaie in materiali robusti e resistenti che però garantiscono la giusta traspirazione del piede. Per questo motivo questi modelli non sono impermeabili e potrebbero dare problemi se usati quando piove, se il terreno è umido o se si è costretti a passare per pozzanghere o fiumiciattoli per arrivare al punto di scalata. Per ovviare a questo problema alcune marche vendono le proprie scarpe da avvicinamento in coordinato con una fodera impermeabile mentre nel caso in cui ne siano sprovviste è sufficiente acquistare delle fodere per scarpe di qualsiasi marca, facendo sempre attenzione che siano della taglia giusta e che abbiano il giusto livello di impermeabilità per l’attività che vogliamo svolgere. Il grado di impermeabilità viene indicato con la parola inglese waterproofness e si misura in colonne d’acqua. Per avere una base di referenza, una fodera impermeabile deve sopportare una colonna d’acqua di almeno 1300 mm. Le scarpe da avvicinamento realizzate con tomaia in Gore-Tex non necessitano di una fodera perché questa membrana brevettata garantisce un buon livello di protezione dall’acqua senza rinunciare alla traspirabilità.


Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3056
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?